Curiosita' · Discipline

Aiuti naturali e artificiali

Con il termine di “aiuti”, si indica quei mezzi che il cavaliere ha per comunicare con il cavallo, per chiedergli di fare qualcosa come fermarsi, andare più veloce, cambiare andatura, girare…
Si dividono in 2 gruppi: aiuti naturali e aiuti artificiali.

Gli aiuti naturali fanno parte del nostro corpo e sono le gambe, le mani, il busto, le spalle, lo sguardo, la voce. Sono la fonte principale di comunicazione del binomio.
Gli aiuti artificiali sono quegli oggetti che utilizziamo quando gli aiuti naturali non bastano. Alcuni potrebbero essere definiti come il “prolungamento” dei nostri arti, come il frustino e gli speroni, mentre ce ne sono altri che “compensano” le nostre mancanze, come le redini di ritorno, la martingala ecc.

L’esperienza e la bravura di un cavaliere sono dati dalla sua capacità di saper usare gli aiuti correttamente e saper riconoscere il giusto momento e la giusta situazione per adoperarli.

[pillola equestre di 149 parole] 

2 pensieri riguardo “Aiuti naturali e artificiali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...