Anatomia · Consigli · Discipline · Monta americana · Razze equine · Sport

Lo sliding stop

Lo sliding stop è tra le figure più conosciute e spettacolari dell’equitazione western, un momento delle gare di reining in cui il tifo si fa molto intenso e sentito.

Il cavallo avanza in linea retta con un galoppo progressivo e allo “whoa” del cavaliere, blocca i posteriori continuando a camminare in avanti con gli anteriori.
Questo tipo di manovra necessita di un’adeguata conformazione fisica, attitudine e addestramento del cavallo, dell’abilità del cavaliere oltreché di un terreno adatto.
Le caratteristiche fisiche principali che si richiedono al cavallo per eseguire al meglio questa manovra si ritrovano principalmente nella razza del Quarter Horse; questa infatti ha una muscolatura del dorso e della groppa molto sviluppata, e la schiena, lunga e inclinata, permette al cavallo di portare sotto di sé i posteriori nello sliding stop; questa conformazione fornisce inoltre un buon equilibrio sui posteriori nell’esecuzione di stop e rapidi cambi di direzione.
Grazie alla selezione fatta tramite l’allevamento, già dai primi giorni di vita, il puledro quarter mostra l’attitudine ad eseguire stop anche in libertà, fermandosi bruscamente dopo essersi lanciato al galoppo verso una staccionata.
Per quanto riguarda il terreno, non deve esserci né troppa sabbia perché andrebbe a bloccare la scivolata, né troppo poca perché al contrario potrebbe risultare troppo scivoloso compromettendo l’equilibrio del cavallo.

Tips per eseguire un buon sliding stop:

  • il cavallo deve galoppare libero e rilassato in linea retta, con le spalle allineate, un buon impulso e aumentando la velocità progressivamente. Senza impulso si avrà uno stop debole;
  • il cavallo deve essere attento ai comandi senza anticiparli;
  • durante la frenata il cavallo deve rimanere arrotondato e rilassato e il cavaliere deve essere attento al movimento dell’animale, lasciandogli le redini sciolte e guidandolo con il corpo; al comando vocale, il cavaliere deve spostare leggermente indietro le spalle e, facendo pressione sulla seduta, provocare una pressione sulle staffe, in particolare sui talloni che vengono spinti verso il basso e si allontanano dai fianchi del cavallo.
Fonte: Irene
Curiosita' · Discipline · Monta americana

Il reining, il dressage americano

Il reining, che tra le discipline western è in Italia la più seguita, viene paragonata al dressage; infatti il binomio deve dimostrare di essere in perfetta sintonia durante l’esecuzione di schemi (pattern) la cui precisione e armonia sarà valutata dai giudici di gara. Il cavallo deve rispondere prontamente agli ordini del cavaliere, che devono essere il più impercettibile possibile dall’esterno.
I pattern sono predefiniti nel regolamento dell’NRHA, associazione americana madre della disciplina. Prima di ogni gara viene stabilito il pattern da eseguire e ogni deviazione dallo schema è considerata errore. Le figure principali del reining sono:

Sliding stop: è forse la figura più conosciuta e spettacolare. Il cavallo viene fatto galoppare con andatura progressiva, e al comando del cavaliere blocca i posteriori per fare una lunga scivolata aiutandosi con gli anteriori per avanzare.

Fonte: Irene

Spin : si tratta di 4 giri di 360 gradi che il cavallo compie attorno a sè stesso facendo perno sui posteriori e incrociando gli anteriori, prima in un senso e poi nell’altro.

Fonte: Irene

Cambi di galoppo : devono essere eseguiti al volo, quindi senza transizioni al trotto, dando l’impressione che non vi sia alcuno sforzo del cavallo e con un comando da parte del cavaliere che deve essere il più impercettibile possibile.

Cerchi grandi e piccoli : devono essere eseguiti a varie velocità, e viene premiata la precisione della figura.

Rollback : si esegue subito dopo lo stop: appena terminato lo sliding stop, il cavallo si gira di 180 gradi facendo perno sui posteriori e riparte subito in linea retta al galoppo.

Back : anche questa manovra viene eseguita dopo lo stop e il cavallo deve indietreggiare velocemente.