Attualità · Cavalli famosi · Curiosita' · Razze equine · Storia

Il cavallo Zangerscheide

Ultimamente si sente molto parlare di cavalli “Zangerscheide“, soprattutto nel salto ostacoli di alti livelli. Non si tratta di una vera e propria razza, ma di uno Studbook, quindi di un registro genealogico o più semplicemente di un allevamento che si è posto lo scopo di selezionare esemplari che avessero particolari doti nel salto.
La storia della nascita di tutto questo è alquanto singolare e merita secondo me di essere conosciuta.
Il protagonista della nostra storia è tale Leon Melchior, uomo d’affari nel mondo dell’edilizia, lontanissimo da tutto ciò che riguardava i cavalli; tuttavia il consiglio del medico di praticare sport all’aria aperta lo porta ad incontrare questi animali, ed inevitabilmente nasce una passione travolgente. Forte anche di grandi possibilità economiche, negli anni ’70 Melchior crea una grande scuderia col nome di Zangerscheide nelle sue tenute di Lanaken in Belgio, che sarà presto frequentata da cavalieri e istruttori di alti livelli. Egli stesso acquisterà la cavalla Heureka, fresca vincitrice del GP di Acquisgrana e seguito dall’allenatore Hermann Schridde, campione olimpico, arriverà ad indossare i colori della squadra olandese in Coppa delle Nazioni ad Aachen, nel 1971.

Av Just chaos – https://www.flickr.com/photos/7326810@N08/
4339075443/sizes/o/in/photostream/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33392619

Ma le ambizioni di Melchior non si fermano qui. Heureka, cavalla holsteiner di 13 anni, diventerà la prima fattrice dell’allevamento Zangerscheide, ad oggi uno dei più rinomati al mondo e che si è sempre distinto per metodi all’avanguardia (uno tra i primi ad utilizzare l’inseminazione artificiale e il congelamento del seme).
All’inizio i cavalli che venivano utilizzati provenivano da diverse linee di sangue e nazioni, poi alla fine degli anni 70 si creò la linea Zangerscheide e i puledri venivano marchiati con una Z sulla coscia (e presente anche alla fine del nome).
Ad oggi i cavalli prodotti da questa “fabbrica” di campioni, sono utilizzati in tutto il mondo nelle competizioni di alto livello.

Curiosita' · Razze equine · Storia

Il cavallo di Przewalski

Quando si parla di cavalli selvaggi, si pensa immediatamente ai Mustang americani; ma è un errore, forse indotto dal fatto che questa razza è stata notevolmente pubblicizzata da film, libri e campagne per la sua salvaguardia. Sarebbe più preciso definire il mustang non con come “selvaggio” (wild) ma come “selvatico” (feral), cioè un cavallo i cui antenati erano cavalli addomesticati, ma che poi, fuggiti o abbandonati, si sono dovuti riadattare a una condizione di vita allo stato brado.

By Claudia Feh – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=40820924

L’unico vero cavallo selvaggio ancora esistente è il cavallo di Przewalski, o cavallo selvatico dell’Asia, o Taki. E’ un animale che ha rischiato molto volte l’estinzione a causa principalmente della caccia; poi diversi esemplari vennero catturati e trasferiti in zoo e in strutture e infine, a partire dagli anni ’90, partirono diverse progetti per la reintroduzione di questi animali nel loro habitat naturale per ripopolare così le steppe mongole. Attualmente vivono in quelle che sono diventate riserve naturali protette, circa 400 soggetti e lo stato conservativo del cavallo di Przewalski rimane “ad alto rischio di estinzione in natura” (EN = endangered).
Il nome di questo cavallo deriva da quello di Nikolaj Michajlovic Przewalski, esploratore e colonnello russo che guidò diverse spedizioni in Asia, importantissime a livello geografico e per lo studio di flora e fauna di queste zone. In una di queste sue missioni si imbatté in branchi selvaggi di cavalli mongolici, sui quali si avevano poche e confuse notizie; le prove di questa scoperta o meglio riscoperta arrivarono nelle mani dello zoologo Ivan Semenovich Polyakov, che nel 1881 descriverà questa come una nuova razza, e una tra le più primitive, l’Equus Przewalski Poliakov.

Il cavallo di Przewalski è piccolo con arti corti e robusti, il garrese poco evidente; il muso è tozzo dal profilo dritto o convesso, gli occhi alti e vicini alle orecchie; il manto color sabbia si schiarisce intorno agli occhi e al muso, e nel basso ventre; coda e criniera sono nere. La criniera è la caratteristica che lo differenzia maggiormente dal cavallo moderno, perché cresce dritta e ispida, con la quasi totale assenza di ciuffo. Altra particolarità di questo cavallo è quella di avere 66 cromosomi a differenza del cavallo comune che ne ha 64.

Anatomia · Attualità · Cura del cavallo · Curiosita' · Micropillole · Razze equine

Micropillola / Naked Foal Syndrome

La naked foal syndrome (NFS) o sindrome del puledro nudo, è una rara malattia a trasmissione ereditaria autosomica recessiva, ciò significa che il puledro può ereditarla soltanto se entrambi i genitori sono portatori.
Come dice il termine, i soggetti colpiti da questa patologia nascono quasi totalmente senza peli o crini e purtroppo muoiono solitamente dopo pochi giorni/mesi dalla nascita, anche se le reali cause del decesso non sono ancora del tutto chiare.

Un puledro affetto dalla NFS insieme alla madre sana
Bauer et al. https://doi.org/10.1534/g3.117.039511

Il primo caso di NSF risale al 1938 e da allora il numero dei casi è costantemente cresciuto; la razza solitamente colpita da questa sindrome è quella dell’Akhal Teké.
Gli allevatori hanno la possibilità di effettuare dei test genetici per controllare i soggetti prima di farli accoppiare, poiché un cavallo può essere portatore della malattia pur non presentando alcun sintomo; se entrambi i genitori sono portatori, c’è il 25% di possibilità che il puledro nasca malato.

Anatomia · Attualità · Consigli · Cura del cavallo · Intervista · Razze equine

La colica – Intervista a Marta Missio

Dovreste ormai ben sapere che quando si parla di salute del cavallo siamo sempre cauti e cerchiamo il più possibile di lasciare la parola a professionisti del settore. Perciò abbiamo deciso di chiedere a Marta, studentessa di veterinaria, di spiegarci che cos’è la colica e di svelarci alcune nostre curiosità su questa sindrome di cui ahimè si sente spesso parlare.

Ma prima conosciamo Marta un po’ più da vicino! Marta si definisce “studentessa, amazzone, futura veterinaria;. è infatti al 4°anno di veterinaria all’Università di Parma e ha passato moltissimi anni della sua vita immersa nel mondo dei cavalli. Comincia a prendere lezioni di equitazione a 7 anni e si appassiona soprattutto ai mounted games. Nel 2018 poi comincia il suo percorso universitario che la porta ad allontanarsi dalla pratica equestre anche se, precisa, appena torna a casa il maneggio è una tappa fissa e obbligata. “Non so ancora dire cosa esattamente mi abbia spinto a prendere questa strada. Sicuramente dietro mi porto una grande passione per i cavalli, in più mi piace la medicina e mi affascinano le materie che studio, soprattutto quelle degli ultimi anni, molto più pratiche rispetto a quelle del biennio; ma penso che la cosa principale sia l’idea di poter aiutare una vita, di darle un futuro migliore.”
Marta gestisce anche un blog (www.equiformando.com) in cui affronta diverse tematiche di veterinaria e non, con lo scopo, dice, di svelare il perché delle cose, in un mondo in cui a volte azioni banali sono fatte senza saperne il motivo.

1. Cos’è la colica e cosa succede al cavallo?

La colica non è né un sintomo né una patologia ma una sindrome, ovvero un insieme di sintomi che sono comuni a più forme morbose o determinati da più processi patologici concomitanti. Più semplicemente si tratta di un dolore addominale acuto (che potremo paragonare al nostro mal di pancia) molto spesso associato a problematiche del canale digerente. Può però essere legato a problemi che coinvolgono altri organi, come reni, fegato, apparato riproduttore…seppure sia più raro.
I sintomi di una colica sono piuttosto univoci: il cavallo si rotola molto spesso, sta con le zampe per aria, ha un’indebolimento delle funzioni sensoriali, è restio al movimento, si guarda il fianco, raspa con l’anteriore, ha una sudorazione elevata, tenta spesso di defecare, c’è una distensione addominale, assume la posizione di minzione.

2. La colica è legata unicamente a motivi alimentari?

No assolutamente, un cavallo può andare in colica per i più svariati motivi: torsione intestinale, danno ischemico, per infezioni di varia natura, rottura di un tratto dell’intestino, terapie con alcuni farmaci, stress, ingestione di corpi estranei, spostamenti di tratti dell’intestino, infiammazioni, ernie, torsioni dell’utero, fecalomi… I motivi sono veramente tantissimi ed è opportuno andare a capire la causa per poi scegliere il trattamento più corretto.

3. La mortalità di questa sindrome è davvero così alta?

Vi riporto un dato che ho estrapolato dal libro Understanding equine colic, Bradford G. Bentz: “The incidence of equine colic has been estimated by the USDA’s National Animal Health Monitoring System Equine 1998 study at 4.2 events per 100 horses per year. This health monitoring system was designed to outline the overall prevalence and occurrence of various types of disease within the North American horse population. The 1998 study found no difference in the incidence of colic among geographic regions. The percentage of equine operations that experienced one or more colic events was 16.3. Overall, only 1.4% of colic events resulted in surgical intervention. The fatality rate for all colic events was 11%.” Sono dati un po’ vecchi ma che possiamo riportare anche alla realtà odierna. Quindi sì, di colica un cavallo può morire (naturalmente o per eutanasia), ma questo dipende molto dalla causa: per esempio, una rottura della parete intestinale per cui il contenuto di questo, inclusi i batteri, si riversa nell’addome, purtroppo ha come unica risoluzione l’eutanasia. Diverso è se parliamo di una colica dovuta ad un regime alimentare non corretto o per un’infezione parassitaria: la terapia in quel caso sarà medica, quindi prevedrà l’assunzione di farmaci per andare a ridurre il dolore e lavorare poi sul fattore causale.

4. Oltre a un regime alimentare appropriato, ci sono altre misure/buone abitudini a prevenzione? 

Essendo multicausale, posso dire che la cosa migliore per prevenire una colica è in generale una buona gestione dell’animale, rispettando quanto più possibile la sua natura (per esempio buona prassi è quella di somministrare pasti piccoli e frequenti, piuttosto che darne pochi e molto voluminosi), sverminando periodicamente il cavallo, garantendo che ogni cambiamento nella vita dell’animale (che sia la dieta, il programma di lavoro o l’habitat) avvenga in modo graduale. I cavalli sono animali abitudinari e che si stressano facilmente, perciò è bene riuscire a garantire loro una routine quanto più possibile.
Tuttavia è bene sapere che pure i cavalli più curati e controllati non sono totalmente immuni a episodi di colica, che a volte si verifica per un mero colpo di sfortuna.

5. Ci sono dei cavalli più predisposti alla colica?

Sì, e prima di tutti cito i PSI. I PSI da ippodromo, in linea generale, seguono un regime dietetico che va in contrasto con le abitudini alimentari del cavallo: mangiano molti concentrati (ovvero mangime) e poco fieno, e questo squilibrio nel rapporto fibra grezza-concentrati è un fattore che predispone a sviluppare coliche.

Anche i PSA e i Falabella sono più predisposti rispetto ad altre specie a causa del fatto che sviluppano più frequentemente fecalomi (ammasso di feci disidratate che l’animale non riesce ad espellere).
Un’altra razza che spesso va incontro a colica sono i trottatori americani (Standardbreds) perché facilmente sviluppano ernie scrotali.
Inoltre, i cavalli fino ai 6 mesi di età raramente vanno incontro a colica. 

6. In quali casi è necessario intervenire chirurgicamente?

In linea di massima si decide di operare se ci sono delle torsioni o dei corpi estranei (o un qualsiasi genere di ostruzione) che non si riesce a rimuovere con fluidoterapia. Bisogna tenere conto che è una patologia dinamica, che evolve nel tempo, per cui spesso si inizia con una terapia medica e poi si sceglie un approccio chirurgico se non si ha una risoluzione. Generalmente possiamo dire che disfunzioni intestinali e infiammazioni hanno un approccio medico (farmacologico), mentre coliche da dislocazione, torsione, flessione, intussuscezione (un segmento dell’intestino scivola su un altro, come le parti di un telescopio) prevedono un trattamento chirurgico.

7. A parte chiamare il veterinario, cosa dobbiamo fare se sospettiamo una colica?

Possiamo prendere alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca e temperatura rettale), oltre a vedere se i piedi (zoccoli e corona in particolar modo) sono caldi: può capitare che, almeno inizialmente, la colica venga confusa con un principio di laminite. Inoltre, è bene tenere monitorato il cavallo: questo significa stare in scuderia e vedere cosa fa a prescindere dalla gravità iniziale dei sintomi.
Spesso si sente dire che se si sospetta una colica, bisogna far muovere il cavallo: è vero e in una buona percentuale di casi aiuterà anche a risolvere il problema, ma non bisogna forzare a far camminare un cavallo molto dolorante. La cosa fondamentale è evitare che si sdrai e si rotoli, in quanto questo può andare a strangolare e/o ostruire l’intestino. Poi non bisogna dargli da mangiare, bere o somministrare farmaci di propria iniziativa. Altra buona pratica è isolare l’animale dagli altri cavalli e tenerlo in uno spazio abbastanza ampio e tranquillo.
In ogni caso seguite sempre le indicazioni del veterinario e non sospendete le terapie perché credete che l’animale stia meglio.

Instagram: Equiformando
Web: www.equiformando.com

Attualità · Curiosita' · Razze equine · Storia

Barock Pinto

Fonte : Allevamento Le Grand Noir

Quella del Barock Pinto è una razza molto recente, nata negli anni ’60 nei Paesi Bassi dall’incrocio di un cavallo a sangue caldo pezzato e di un esemplare Frisone. L’iniziatore della razza è Bonte Nico, uno stallone pezzato nero e bianco che suscitò l’attenzione di molti allevatori nella regione della Frisia prima, e a livello nazionale dopo. Il particolare colore del manto piacque a molti, e i puledri che nascevano con questa caratteristica erano valutati molto di più rispetto a quelli con un unico colore. Inizialmente però, essendo Nico uno stallone non registrato e approvato, vennero emesse multe per sanzionare i proprietari delle cavalle che erano state ingravidate, e Nico stesso rischiò di essere confiscato; ma poi grazie all’intervento del principe Bernardo e dell’allora ministro dell’agricoltura Barend Biesheuvel, allo stallone venne concessa la libertà di essere utilizzato come riproduttore di quella che sarebbe diventata la razza del Barock Pinto. Nell’anno di maggiore attività, si conta che lo stallone abbia coperto 150 fattrici, numero incredibile se si pensa che allora non esisteva ancora l’inseminazione artificiale.
La fama di Nico era tale, che i ragazzini facevano a gara a strappare alcuni crini dalla coda del loro idolo.
Nacque così lo studbook di razza con sede nei Paesi Bassi, che ad oggi definisce gli standard di questo cavallo. Ecco alcune caratteristiche:

  • il cavallo Barock Pinto ha almeno il 37,5% di sangue Frisone;
  • è un cavallo sportivo performante in molte discipline anche ai livelli più alti, in particolare dressage ed attacchi;
  • la testa è espressiva e nobile, spesso con profilo montonino, crini abbondanti nella criniera, coda e sulle zampe;
  • il manto preferito è quello paint bianco e nero; anche se ci sono stalloni e fattrici completamente neri che vengono comunque registrati, lo standard di razza prevede almeno due macchie bianche sul corpo di almeno 10 cm di diametro l’una.
  • è un cavallo vitale, energico e sano, senza malattie ereditarie.

Allevamento Le Grand Noir (per la selezione del cavallo Frisone e Barock Pinto)
Regione Tetti Sagrini 1 – La Loggia (TO)
Facebook : Allevamento “Le Grand Noir” & “Anthrax Font”
Instagram : allevamento.legrandnoir