Curiosita' · Discipline · Eventi · Storia

Micropillola / Il Derby

Si tratta di un termine che si sente utilizzato oggi soprattutto nel mondo calcistico, ma in realtà la sua origine è proprio legata al mondo equestre perché il derby è una gara importante nel mondo delle corse, che un cavallo può disputare una sola volta nella sua vita, e cioè all’età di 3 anni.
Ogni nazione ha il suo derby e il montepremi ammonta solitamente a svariati milioni di dollari.

Tornando all’origine del nome, pare sia collegato a quello di Edward Smith Stanley, 12° conte di Derby, una città a nord di Londra; il nobiluomo organizzò una corsa di cavalli riservata ai puledri di 3 anni nella sua tenuta di Epsom, ma Sir Charles Bunbury voleva arrogarsi la paternità dell’idea. I due si sfidarono allora con un semplice tiro di monetina, e la sorte decise per la vittoria del conte, perciò la gara venne chiamata “derby“. A vincere però questo primo derby disputato nel 1780 sarà, ironia della sorte, il cavallo di Sir Bunbury.
I discendenti di Lord Derby hanno mantenuto la tradizione rimanendo grandi allevatori e proprietari di purosangue inglesi e i colori della scuderia sono rimasti invariati: neri con copricasco bianco.

Attualità · Curiosita' · Storia

5 curiosità su Monty Roberts

By user:borsi112 – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=112873774

Al di là di quelli che sono i suoi metodi e principi sull’addestramento e sulla comunicazione con il cavallo, condivisibili o meno, quando ho letto della vita di quest’uomo nella sua biografia “The man who listens to horses“, ne sono rimasta davvero colpita. Ciò che lo rende ai miei occhi un uomo eccezionale è il suo grande desiderio di cambiare le cose, la sua intuizione che il modo con cui ci si approcciava ai cavalli non poteva essere quello giusto; una persona che si è fatta carico della sofferenza che questi animali erano costretti a sopportare per il capriccio dell’uomo, e che ha cercato di mettersi in comunicazione con loro ascoltandoli, osservandoli, studiandoli, in un epoca dove tutto questo era follia, una perdita di tempo.
Oggi voglio svelarvi solo 5 piccole curiosità su Monty Roberts, ma per saperne di più, vi invito a leggere il suo famosissimo libro, tradotto anche in lingua italiana.

  1. fin da piccolissimo dimostrò grande talento a montare, e fu spinto a partecipare ad importanti gare western dall’età di soli 4 anni; le sue capacità vennero sfruttate principalmente per pubblicizzare la scuola di equitazione gestita dal padre e dalla madre a Salinas, in California;
  2. il padre si “riforniva” periodicamente di mustang che venivano catturati per essere utilizzati nei ranch o nelle competizioni e, com’era di norma, si serviva di metodi brutali per addomesticarli, instillando in loro terrore e sottomissione nei confronti dell’uomo; egli non accettò mai che il figlio avesse trovato un metodo alternativo nemmeno quando assistette di persona alla dimostrazione della sua efficacia;
  3. Monty, desideroso di studiare da vicino i mustang, convinse il padre ad essere mandato insieme ad altri nel deserto del Nevada a catturare altri cavalli che sarebbero serviti per un rodeo. Qui, osservando il loro comportamento all’interno del branco, gettò le basi di quello che divenne il metodo del “Join-up”. Aveva solo 15 anni;
  4. all’età di 20 anni assistette alle riprese del film “East of Eden” e gli fu affidato il compito di illustrare la vita da cowboy a un giovanissimo James Dean. Passarono molti mesi insieme e diventarono grandi amici, tanto che James espresse il desiderio di comprare un ranch e dirigerlo insieme a Monty e alla moglie; purtroppo come sappiamo l’attore morì in un incidente stradale nel 1955;
  5. nel 1989 le idee di Monty arrivarono fino all’orecchio della regina Elisabetta, che lo invitò al castello di Windsor per assistere di persona a una delle sue famose dimostrazioni; sarà proprio la regina ad esortarlo a documentare e a scrivere di questo suo metodo innovativo, cosa che si era promesso di non fare dopo la reazione avversa del padre.
Curiosita' · Razze equine · Storia

Il cavallo di Przewalski

Quando si parla di cavalli selvaggi, si pensa immediatamente ai Mustang americani; ma è un errore, forse indotto dal fatto che questa razza è stata notevolmente pubblicizzata da film, libri e campagne per la sua salvaguardia. Sarebbe più preciso definire il mustang non con come “selvaggio” (wild) ma come “selvatico” (feral), cioè un cavallo i cui antenati erano cavalli addomesticati, ma che poi, fuggiti o abbandonati, si sono dovuti riadattare a una condizione di vita allo stato brado.

By Claudia Feh – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=40820924

L’unico vero cavallo selvaggio ancora esistente è il cavallo di Przewalski, o cavallo selvatico dell’Asia, o Taki. E’ un animale che ha rischiato molto volte l’estinzione a causa principalmente della caccia; poi diversi esemplari vennero catturati e trasferiti in zoo e in strutture e infine, a partire dagli anni ’90, partirono diverse progetti per la reintroduzione di questi animali nel loro habitat naturale per ripopolare così le steppe mongole. Attualmente vivono in quelle che sono diventate riserve naturali protette, circa 400 soggetti e lo stato conservativo del cavallo di Przewalski rimane “ad alto rischio di estinzione in natura” (EN = endangered).
Il nome di questo cavallo deriva da quello di Nikolaj Michajlovic Przewalski, esploratore e colonnello russo che guidò diverse spedizioni in Asia, importantissime a livello geografico e per lo studio di flora e fauna di queste zone. In una di queste sue missioni si imbatté in branchi selvaggi di cavalli mongolici, sui quali si avevano poche e confuse notizie; le prove di questa scoperta o meglio riscoperta arrivarono nelle mani dello zoologo Ivan Semenovich Polyakov, che nel 1881 descriverà questa come una nuova razza, e una tra le più primitive, l’Equus Przewalski Poliakov.

Il cavallo di Przewalski è piccolo con arti corti e robusti, il garrese poco evidente; il muso è tozzo dal profilo dritto o convesso, gli occhi alti e vicini alle orecchie; il manto color sabbia si schiarisce intorno agli occhi e al muso, e nel basso ventre; coda e criniera sono nere. La criniera è la caratteristica che lo differenzia maggiormente dal cavallo moderno, perché cresce dritta e ispida, con la quasi totale assenza di ciuffo. Altra particolarità di questo cavallo è quella di avere 66 cromosomi a differenza del cavallo comune che ne ha 64.

Curiosita' · Storia · Uncategorized

“The horse whisperer”: differenze tra libro e film

Questo bellissimo romanzo di Nicholas Evans è quasi sicuramente il libro di narrativa più famoso a tema cavalli. Scritto nel 1995, dopo pochi anni Robert Redford dirige ed interpreta il film ad esso ispirato, ed è a mio parere uno di quelli che, seppur visti e rivisti, si ha sempre piacere di riguardare.
Ma forse non tutti sanno che tra il libro ed il film esistono numerose differenze, alcune marginali, dettate soprattutto dalla necessità di adattare la storia ai tempi cinematografici, mentre altre sono piuttosto sostanziali. Sei curioso di scoprire quali sono?


Attenzione, se hai in mente di leggere il libro o di guardare il film, troverai nelle prossime righe degli spoilers!!!

  1. Una prima grande differenza è che nel libro, Tom Booker accetta di andare a New York dove vive Annie e la figlia Grace, per vedere Pilgrim; l’incontro sarà disastroso perché l’uomo rimarrà scioccato dalle condizioni pessime di come è tenuto il cavallo e se ne andrà via con l’intenzione di non aver più nulla a che fare con la faccenda. Annie quindi deciderà di trainare Pilgrim fino in Montana. Nel film invece Tom non accetta di andare a New York, per cui si passa subito alla scena in cui la madre decide di fare il lungo viaggio fino al ranch dei Booker, e qui avverrà il primo incontro tra Pilgrim e il suo salvatore.
  2. Passiamo ora a parlare della famiglia di Tom. Sia nel libro che nel film sappiamo che è stato sposato con una musicista incontrata a Chicago, ma nel libro c’è un’ulteriore informazione, e cioè che i due hanno avuto un figlio di nome Hal; quando Tom accetterà di volare a New York per vedere Pilgrim, ne approfitterà per andare a trovare anche il figlio che lavora in un ristorante. Invece nel film non si fa alcuna menzione del ragazzo.
  3. Altra grossa differenza. Nel film, dopo aver visto che la mamma aveva ripreso a montare in compagnia di Tom, Grace decide di provare a salire in sella, e chiede a Joe, nipote di Tom, di aiutarla a montare su Gonzo, il suo cavallo. Grace riesce con fatica a infilare il piede nella staffa, ma poi mentre cerca di issarsi sul cavallo, questo si sposta e la giovane scivola e cade. Non farà nessun altro tentativo prima di riuscire a montare Pilgrim. Nel libro invece Grace non solo riesce a salire su Gonzo, ma lo cavalca più volte prima del fatidico momento in cui salirà nuovamente sul suo Pilgrim.
  4. La sofferta storia d’amore tra Annie e Tom nel film fa da sfondo alla vicenda di Grace e Pilgrim, che a poco a poco rinascono dopo il forte trauma; nel libro invece la relazione tra i due diventa presto la storia principale, ed è sicuramente Annie il personaggio che subirà la trasformazione maggiore. Nel film, seppur sofferta, la donna prenderà la decisione di lasciare Tom e tornarsene a New York; nel libro invece è convinta di voler stare con il bel cowboy ed è pronta a lasciare tutto e tutti per lui.
  5. Ed eccoci alla differenza più grande in assoluto. Il film finisce che Grace ritrova sintonia con Pilgrim e con la madre, Annie decide di sacrificare il suo amore per Tom per il bene della sua famiglia e Tom rimane nel suo ranch. Un finale abbastanza positivo per tutti. Nel libro invece si verifica una grossa tragedia: Grace viene a conoscenza della relazione nascosta tra la madre e Tom e scappa in sella a Pilgrim; il cowboy la va a cercare e la salva da un branco selvaggio di mustang in cui si era imbattuta mentre cavalcava. L’uomo però, forse sentendosi colpevole per aver sconvolto Grace con la relazione con la madre, si mette davanti allo stallone inferocito del branco, senza dar segno di volersi spostare; morirà colpito dagli zoccoli dell’animale sotto gli occhi terrorizzati di Grace. Annie scoprirà poi di aspettare un figlio da lui e lo crescerà da sola.

E tu hai notato altre differenze?

Cavalli famosi · Curiosita' · Storia

Micropillola / La verità dietro un quadro

Tutti sappiamo che farsi ritrarre a cavallo, un tempo, era un modo per ostentare la propria ricchezza e le proprie capacità militari ed atletiche, fino anche ad esprimere concetti più metaforici come la capacità della ragione di prevalere sull’istinto selvaggio..
Queste, insieme anche ad un fine propagandistico, sono le ragioni anche che probabilmente spinsero Napoleone a commissionare a Jacques Louis David il famosissimo dipinto qui sotto.

“Napoleone che attraversa le Alpi” Jacques-Louis David 

Il quadro, che ora si trova al castello di Malmaison vicino Parigi, ritrae il condottiero francese mentre valica il Gran Sanbernardo insieme alla sua armata durante la seconda campagna d’Italia: Bonaparte ha l’uniforme da generale, con in testa un bicorno gallonato d’oro, armato di una spada e con un mantello gonfiato dal vento che si avvolge attorno alle sue spalle. Monta un cavallo pezzato e mentre con la mano sinistra tiene le redini, con la destra sembra indicare al suo esercito la strada, verso la vittoria.
Un quadro certo che fa apparire Bonaparte come un valoroso e potente generale, un eroe.
Ma in realtà le cose andarono diversamente. La cavalcatura ideale per affrontare i terreni impervi delle Alpi era l’asino, molto più solido e resistente, e quella fu anche la scelta di Napoleone: oltrepassò il valico in sella ad un asino, condotto a mano da una guida esperta, proprio come lo ritrae un altro pittore, Paul Delaroche.
La figura di Napoleone qui non appare più come quella di un coraggioso condottiero, ma di un normale soldato, infreddolito e probabilmente stanco della lunga marcia. Nel dipinto non ci sono più colori vivaci e uniformi splendenti, ma tutto è pervaso dal grigiore della pietra e dal biancore della neve.

“Napoleone che attraversa le Alpi” Paul Delaroche

Fonti delle immagini :Wikipedia