Consigli · Curiosita' · Discipline

Micropillola / Galoppo falso vs galoppo rovescio

Prima di tutto, un piccolo ripasso sul galoppo: è un andatura in tre tempi più uno di sospensione, in cui il cavallo appoggia nell’ordine 1)posteriore esterno, 2)anteriore esterno e posteriore interno 3)anteriore interno (e successivo tempo di sospensione). Questa è la successione corretta che avremo, o dovremmo avere, in risposta alla nostra richiesta.

Il posteriore esterno è già a terra; poi toccherà a posteriore interno e anteriore esterno e per ultimo all’anteriore interno.

Ma se la successione degli arti non è corretta, e quindi l’ultimo arto a poggiare a terra risulta essere l’anteriore esterno, il cavallo avrà un galoppo “sbagliato”; si parlerà di galoppo falso se le intenzioni del cavaliere erano quelle di ottenere un galoppo dritto, ma così non è stato (solitamente per un errore nella sua richiesta), e di galoppo rovescio se invece il cavaliere ha specificatamente chiesto al cavallo di galoppare sull’anteriore esterno. Il galoppo rovescio infatti è proprio un esercizio in piano, anche di un certo livello, che porta ad una maggiore decontrazione ed ingaggio del posteriore, quindi in definitiva a migliorare in generale la qualità del galoppo stesso.

Uncategorized

Micropillole / Horsehead Nebula

Quella che vedete nella foto a sinistra, è la famosa Horsehead Nebula, la nebulosa Testa di Cavallo, situata in un complesso di nubi molecolari in Orione. Questa nebulosa oscura venne fotografata per la prima volta nel 1888 dall’astronoma Williamina Fleming, presso l’Harvard College Observatory.
Il suo nome ufficiale è Barnard 33 ed è una prominenza di polveri nella regione meridionale della nebulosa Lynds 1630. La distanza dalla terra è stimata in circa 1400 anni luce!

Cura del cavallo · Micropillole

Micropillola / Cos’è la steccatura?

La steccatura è quella pratica che solitamente segue la doccia, e che prevede l’utilizzo della stecca per togliere l’acqua in eccesso dal pelo, e permettere quindi una più rapida asciugatura.
La stecca ha una parte centrale in acciaio e due impugnature alle estremità. Si utilizza piegandola a “C” e facendola scorrere dall’alto verso il basso seguendo il verso del pelo. Si esercita un po’ di pressione per rimuovere l’eccesso di acqua, avendo l’accortezza di evitare le zone della testa e degli arti.

Anatomia · Curiosita' · Micropillole

Micropillola / I cavalli grigi hanno le balzane?

Sì! Ma come si riconoscono? Dalla pigmentazione della pelle in corrispondenza degli arti: il cavallo grigio ha la pelle grigia, quindi se vedete che diventa rosa, lì comincia la balzana.
Si può anche notare dallo zoccolo; se una parte dell’unghia è bianca o più chiara, sopra ci sarà una balzana.